27 marzo 2015

Orgoglio e pregiudizio e zombie - Seth Grahame-Smith

Buon pomeriggio fantamaniaci!
Scusate se non ho scritto per un bel po' ma ho avuto diverse cose a cui pensare, da fare, da vedere, eccetera. Sono un donnino piuttosto impegnato e solo oggi ho trovato il tempo per scrivere due brevi righe sull'ultimo libro letto, mi dispiace. Non preoccupatevi però, ho pronte due novità di libreria da dedicarvi tra qualche giorno. La prima sarà Mezzo mondo, il secondo volume della trilogia Mare infranto di Joe Abercrombie mentre la seconda sarà L'atlante di tenebra, che conclude la trilogia dei Libri dell'inizio di John Stephens. Poi forse ci sarà qualcosina di nuovo ad aprile. Vi segnalo, per esempio, l'uscita (che sarà mia subito) del primo volume di una nuova serie di James Dashner, l'autore di Maze runner, intitolato Virtnet runner. Il giocatore prevista per il 2 aprile dall'editrice Fanucci. Per metà mese dovrebbe uscire l'ultimo capitolo degli Eroi dell'Olimpo di Riordan. Che altro? Ah sì, dimenticavo il terzo volume della Saga dei tre regni di Morgan Rhodes. Per chi, poi, è interessato è prevista la pubblicazione del quarto volume dei Regni di Nashira di Licia Troisi e sembra che la Fanucci ci proporrà anche il primo volume di Chronos files di Rysa Walker intitolato Timebound. Nel vortice del tempo. Man mano che i libri saranno disponibili avrete, come sempre, il mio commento (a parte la Troisi) per cui sarete sempre aggiornati.

Tornando al commento di oggi, vi parlerò brevemente di Orgoglio e pregiudizio e zombie di Seth Grahame- Smith per continuare la carrellata di zombie books. Se siete appassionati di letteratura inglese di inizio Ottocento avrete sicuramente letto e apprezzato la scrittrice Jane Austen, notissima al pubblico per i suoi romanzi. In realtà, la Austen è così famosa da essere una delle letture più consigliate nelle scuole per le vacanze. Orgoglio e pregiudizio, Ragione e sentimento, Emma sono solo alcuni tra i suoi libri più famosi; Elizabeth, Marianne ed Elinor alcune delle sue protagoniste. Il successo di Orgoglio e pregiudizio ha fatto sì che Seth Grahame-Smith riscrivesse l'intera opera come se, all'epoca dei fatti, l'Inghilterra fosse alle prese con gli zombie. Elizabeth Bennet e le sue sorelle diventano eroine e paladine, protettrici della contea. La stessa Jane Austen è accreditata come autrice, segno che il romanzo in questione è una vera e propria ristesura dell'originale e ne mantiene fedelmente ogni sua parte.
Esistono diverse edizioni di Orgoglio e pregiudizio e quasi tutte hanno in copertina un'elegante ragazza in stile Ottocento. La copertina di Orgoglio e pregiudizio e zombie segue lo stesso filone di signorina per bene ma aggiunge una nota splatter, rendendo la signorina in questione una zombie sporca di sangue e in via di decomposizione. Decisamente divertente.

Trama. Elizabeth Bennet e le sue quattro sorelle sono le eroine della zona, addestrate nelle arti mortali e combattono contro gli zombie che infestano l'Inghilterra. Nel frattempo, la signora Bennet cerca freneticamente loro un marito. Ad una festa Elizabeth conoscerà Mr Darcy, un altezzoso giovane addestrato anch'esso. Le vicende della famiglia Bennet intersecheranno la piaga degli zombie.

Conosciamo tutti la trama di Orgoglio e pregiudizio. Elizabeth è la protagonista principale del romanzo. Ha una sorella maggiore, Jane, e tre frivole sorelle minori, Mary, Kitty e Lydia. Il signor Bennet è in completa balia dell'altrettanto frivola moglie che non smette nemmeno un secondo di cercare marito alle cinque figlie. Chiaro che cercare di accasare le figlie è un'occupazione molto in voga, tanto più che alla morte del signor Bennet nessuna di loro erediterà la proprietà e quelle non sposate e la madre finiranno in mezzo alla strada. La premura, quindi, è capibile ma la signora Bennet è sguaiata, senza freni, dalla lingua lunga e inopportuna, frivola, sciocca e voltafaccia. Per cui non ci si fa meraviglia se Mr Darcy non vuole avere niente a che fare con Elizabeth e la sua famiglia. L'orgoglio di lui e i pregiudizi di lei non serviranno a nulla e, alla fine, i due giovani si innamoreranno. Con il contorno di tutte le vicende delle famiglie di entrambi.
Bene, prendete la trama tale e quale di Orgoglio e pregiudizio, aggiungete gli zombie e otterrete il romanzo di oggi. Le vicende sono le stesse, i personaggi e gli accadimenti uguali. In più ci sono gli zombie e l'addestramento delle sorelle. Con un pizzico di splatter in certe occasioni che, quando si parla di zombie, non guasta mai.

La protagonista principale è Elizabeth e ogni scena raccontata la vede al centro dell'azione. Non ci sono scene in cui non è presente, è diciamo l'unico pov del romanzo. Lo stile è fresco e leggero ma nel modo in cui Jane Austen scriveva, quindi un po' affettato e a modo. La maggior parte della stesura è incentrata sui dialoghi o sulle lettere scambiate per posta, poche sono le descrizioni. Le nuove parti sui combattimenti contro gli zombie sono divertenti, c'è molta azione in tutto il libro ed è piacevole da leggere perché è descritta bene. Il finale è il solito lieto fine e vissero tutti felici e contenti di Orgoglio e pregiudizio con Elizabeth e Darcy e Jane e Charles Bingley che si sposano.

Tirando le somme, se volete divertirvi a prendere in giro ma con rispetto una lettura cult dell'Ottocento Orgoglio e pregiudizio e zombie fa al caso vostro. Se ritenete che sia uno scempio riscrivere un libro magnifico in chiave ironica e spregiudicata allora non fa proprio per voi. Per quelli che stanno nel mezzo, vi consiglio comunque una lettura veloce. Non è certo una pietra miliare del genere horror zombie ma è piacevole quel tanto che basta a mettervi di buon umore. Ci sarebbe anche un seguito di un diverso autore, Finchè morte non vi unisca, in cui Elizabeth parte alla ricerca di una cura per la zombitudine per salvare Darcy. Vedete voi, io lo leggerò tra un po' di tempo.



Autore: Seth Grahame-Smith e Jane Austen
Dati: 2009, 367 p., brossura
Traduttore: Maranesi I.; Zuppet R.
Editore: Nord (collana Narrativa Nord)

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao!
Avete letto questo libro? Vi piace la mia recensione? Lasciatemi un commento!