17 agosto 2013

Il meraviglioso mago di Oz - Frank L. Baum

"Il meraviglioso mago di Oz" di Frank L. Baum è uno dei classici intramontabili della letteratura per bambini, illustrato e pubblicato per la prima volta nel 1900. Dopo il grandissimo successo, Baum scrisse altri tredici episodi ambientati nella terra di Oz più altri ventisei scritti dopo la sua morte da altri autori per un totale di 39 Libri di Oz. Attualmente il testo originale è di dominio pubblico, il cui copyright ormai scaduto.

Sicuramente più famoso del libro è il film del 1939 diretto da Victor Fleming, regista anche di "Via col vento". La protagonista Dorothy è Judy Garland, una delle attrici più famose dell'epoca. Notissima è anche la canzone tema "Over the rainbow", composta apposta per il film, diventata quasi un simbolo della tranquillità e di un luogo magico in cui i sogni diventano realtà.

Tutti conosciamo la trama. Dorothy vive in Kansas con i suoi zii e il cagnolino Toto. Durante un tremendo uragano gli zii trovano riparto nel seminterrato mentre lei e Toto rimangono in casa, costretti da un vento fortissimo. La ragazzina aspetta la fine dell'uragano e, uscendo da casa, si ritrova in un paese molto strano, di certo non il Kansas: la terra blu dei Munchkin. Nella caduta la casa schiaccia inavvertitamente sotto di sè la Strega Cattiva dell'Est uccidendola. Appare la Strega Buona del Nord che si congratula con Dorothy per quello che ha fatto, ma Dorothy vuole solo una cosa: tornare a casa dai suoi zii. La Strega Buona le rivela che l'unico che può aiutarla è il potente mago di Oz. Dorothy, quindi, parte per la Città di Smeraldo in cerca di Oz e sul suo percorso incontrerà personaggi magici di varia natura.

Dorothy è una ragazzina determinata a ritrovare la via di casa, coraggiosa nell'affrontare le insidie del percorso e sicura di sè. I tre personaggi che la accompagnano nel viaggio sono indimenticabili. Lo Spaventapasseri che si unisce a Dorothy per avere in dono un cervello dal mago, il Boscaiolo di Latta che vorrebbe un cuore e il Leone Codardo che vorrebbe avere il coraggio degno del re della foresta. La loro caratterizzazione è chiara e coerente, nel corso della storia i loro atteggiamenti vengono modificati fino al culmine in cui il dono che vorrebbero è già presente dentro di loro.

Questo mi porta alla colonna portante del libro: a volte si cercano altrove doti che già si possiedono. Lo Spaventapasseri, il Boscaiolo ed il Leone hanno già cervello, cuore e coraggio ma semplicemente non li avevano ancora trovati. Il viaggio con Dorothy li metterà alla prova e farà uscire tutti i pregi di cui hanno bisogno. L'amore, l'intelligenza e il coraggio fanno parte del bagaglio innato di sentimenti che l'essere umano si porta dietro, deve solo controllarli e usarli.

La descrizione dei luoghi è davvero magica ed emozionante. I dialoghi sono convincenti e la scrittura scorre fluida. Mitica poi la descrizione del Grande e Potente Mago di Oz, un nome troppo altisonante per un ometto basso barricato nel suo palazzo per paura che i sudditi scoprano che non è altro che un Grande e Potente Cialtrone come viene soprannominato da Dorothy e gli altri. Alla fine, poi, si rivela essere un buon sovrano, con manie di grandezza, ma un buon sovrano. Come dire: non è tutto oro quello che luccica o meglio, verde smeraldo. E non può essere dimenticata la frase: "there's no place like home", nessun posto è come casa.

In conclusione ho una notizia shock da dare a tutti quelli che nn hanno mai letto il libro ma hanno guardato film su film. Avete presente le bellissime scarpette rosse brilluccicosissime della malvagia Strega dell'Est? Bene, le scarpette sono delle babbucce con la punta arricciata e sono, udite udite, color argento non rosse. Ci sono rimasta troppo male.
Leggetelo, ve lo consiglio, anche perchè ha moltissime avventure in più che nel film non vengono proposte. Scoprirete che il mondo di Oz è ben più grande di quello che pensate.


Vi lascio il link di ibs di una delle edizioni attualmente disponibili: Il mago di Oz - Frank L. Baum

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao!
Avete letto questo libro? Vi piace la mia recensione? Lasciatemi un commento!